• wideslider_image_1294 Dove mangiare

 

ALTRE ECCELLENZE DELLA PROVINCIA

VINI DOC

calice

Sono tanti i territori in cui potrete gustare i vini di queste terre, ma sono pochi i luoghi in cui scoprire il profondo legame con questi vini di eccellenza, come il Sangiovese Colli Pesaresi DOC ed il Bianchello del metauro DOC.

Il Sangiovese DOC è un vino di colore rosso granato, che nasce dalle uve Sangiovese, una storica vita di questo territorio.
Al palato quello che si evidenzia risulta essere un gusto asciutto e amarognolo, contemporaneamente all’olfatto il vino Colli Pesaresi Sangiovese si rivela delicato.
Questo vino si sposa bene con secondi di carne bovina ed in particolare carni bovine bianche e rosse arrostite.

Il Bianchello del Metauro, è un vino bianco storico di questi territori, la cui diffusione inizio nel 500 a.C.
Tacito addirittura suppose che fu proprio il Bianchello del Metauro che costò ad Asdrubale che ne bevve in abbondanza assieme ai suoi soldati, la sconfitta contro i Romani nel 207 a.C nella famosa battaglia del Metauro.
La denominazione di questo vino fu la prima ad essere riconosciuta nella Provincia di Pesaro-Urbino e tra le prime nella regione Marche.
La produzione storica e di qualità superiore si concentra proprio in queste terre, a nord del fiume Metauro.
Questo vino di pregio è di facile degustazione, dal colore giallo paglierino e dal sapore fresco, secco, ottimo su molluschi, pesci elaborati e carni bianche.

DOWNLOAD / LINK:

> Areale di produzione / disciplinare Bianchello (pdf)
> Dove acquistare vini doc nel territorio

FORMAGGIO DI FOSSA DOP

formaggio-di-fossa

Un’altra eccellenza del nostro territorio è rappresentata dal Pecorino di Fossa, un formaggio stagionato prodotto a Cartoceto e Talamello, prodotto con latte di pecora pastorizzato ed in misura minore latte di capra ed eventualmente latte vaccino. La sua origine è strettamente legata a questi territori e alla storia che in essa si cela da generazioni, poiché era proprio in una “fossa” scavata fino a quattro o cinque metri di profondità che i contadini nascondevano questo formaggio, per salvarlo dalle scorribande dei banditi che li depredavano di qualsiasi alimento.
Oggi questo straordinario formaggio vive un tempo di maturazione all’aria aperta di circa 2 o tre mesi prima di essere preparati per questo particolare “inserimento” che si effettua nel mese di Agosto.
La preparazione inizia con la pulizia della fossa che ospiterà il formaggio, bruciando paglia e sterpi e poi nuovamente rivestite di canne che favoriranno lo sgocciolamento del siero, evitando che il prodotto venga a contatto diretto con le pareti della fossa.
All’interno di una apposita sacca vengono inserite circa 20 forme, avvolte poi nel fieno e riposte in fosse di tufo a forma di fiaschi, profonde circa 3 metri per 2 metri di diametro, ad una temperatura di circa 20°C ed umidità del 80/90%.
Una volta riempite le fosse queste vengono chiuse con coperchi di legno, che serberanno il prodotto in queste speciali stive per 90 giorni, fino cioè al giorno di Santa Caterina, il 25 Novembre.
Proprio a Cartoceto l’apertura delle fosse avviene durante l’ultima domenica del mese di Novembre, in cui si celebra questa importante tradizione.

Il formaggio di fossa rappresenta un punto di incontro e di completamento per la maggior parte delle pietanze della tradizione italiana, arricchendo primi piani e secondi – come condimento oppure grattugiato, o accompagnato con il dolce gusto del miele o delle marmellate o gustato semplicemente da solo, meglio se accompagnato da un vino di eccellenza del territorio.

DOWNLOAD / LINK:

> Areale di produzione / disciplinare (pdf)
> Dove acquistare il formaggio DOP nel territorio

LA CASCIOTTA DI URBINO DOP

casciotta-di-urbino

Un percorso obbligatorio per chi visita Cartoceto è sicuramente quello che arriva fino ad Urbino, città ideale e patria di Raffaello, nonché patrimonio dell’UNESCO.

Un luogo ovviamente speciale per la cultura e dunque per le sue tipicità, tra cui la Casciotta di Urbino, un formaggio DOP dalla pasta chiara e dal sapore decisamente dolce, e che è anche la base per il formaggio di fossa, altra eccellenza dell’areale di Cartoceto.

Per saperne di più visita il sito www.casciottadiurbino.it

IL PROSCIUTTO DI CARPEGNA DOP

prosciutto-di-carpegna

All’interno della provincia di Pesaro-Urbino, al confine con la Toscana, potrete gustare anche un’altra speciale eccellenza marchigiana, come il Prosciutto di Carpegna DOP, un prosciutto crudo con una storia antica ed un sapore inconfondibile.

Inoltre, il territorio circoscritto dal gruppo montuoso del Carpegna, da cui prende nome, è uno dei punti focali dell’area del Parco Naturale Sasso Simone e Simoncello.
Qui, in una natura incontaminata e rigogliosa, le opportunità di relax, svago e divertimento sono davvero infinite e per tutti i gusti.

Per saperne di più visita il sito www.carpegna.com